I polmoni

I polmoni si compongono da un lobo destro e da un lobo sinistro responsabili dell’assorbimento di ossigeno e dell’eliminazione dell’anidride carbonica tramite la respirazione. Attraverso la trachea, l’aria inspirata giunge ai bronchi, dai quali si ramifica una rete sempre più fitta di bronchioli che sfocia in piccole vescicole chiamate alveoli polmonari. Questo sistema è detto anche albero bronchiale. Gli alveoli sono circondati da piccoli vasi sanguigni attraverso la cui membrana sottilissima avviene l’assorbimento di ossigeno e la cessione di anidride carbonica.

Patologie che possono determinare l’indicazione al trapianto

Le seguenti malattie possono rendere necessario un trapianto di polmone: fibrosi cistica, enfisema polmonare, ipertensione polmonare e malattie più rare come la sarcoidosi o avvelenamenti in seguito all’inalazione di sostanze tossiche. I pazienti per i quali un trapianto di polmone rappresenta l’ultima possibilità di sopravvivenza non sono più in grado di svolgere le attività della vita quotidiana e dipendono da un apporto di ossigeno costante. È possibile anche il trapianto di un solo polmone, ma nella maggior parte dei casi vengono impiantati entrambi.