Share Mail Print

Confronto internazionale

Modello del consenso presunto: Una soluzione che si è dimostrata efficace
Ciò è stato riconosciuto dalla maggior parte dei paesi europei. Recentemente i Paesi Bassi hanno introdotto il consenso presunto. In questo modo seguono paesi come l’Austria, il Belgio, la Francia, l’Italia, il Portogallo e la Spagna, per citarne alcuni. Da questi paesi non giungono indicazioni che la volontà dei familiari non sia stata presa in considerazione. I colloqui con i familiari si svolgono come in precedenza, ma in condizioni migliori rispetto a oggi, in quanto le persone che non intendono donare gli organi possono iscriversi a un registro elettronico. In caso di emergenza il personale sanitario si limiterà a consultare il registro: se una persona deceduta è registrata come non donatore, non sarà necessario svolgere alcun colloquio con i familiari. In mancanza di tale registrazione, durante il colloquio sarà necessario valutare se esistono indicazioni contro la volontà di donare. In caso contrario, i familiari potranno acconsentire alla donazione degli organi con la coscienza tranquilla.