Share Mail Print

Una decisione per la vita.

Vi raccontiamo le storie delle persone che si celano dietro ai dati trimestrali di Swisstransplant. Quando hanno dato il consenso al prelievo di organi, i donatori hanno preso una decisione per la vita. Per continuare a vivere, i pazienti in lista d’attesa hanno affrontato un decorso drammatico della malattia. Con il loro impegno, anche i medici coinvolti nella donazione di organi e nel trapianto prendono ogni giorno una decisione per la vita.

Con questo messaggio vogliamo ricordare che il cardine della donazione di organi è la decisione. Innanzitutto garantisce chiarezza e sicurezza. Inoltre, dà la certezza che la volontà del defunto venga attuata. Infine, allevia i familiari e il personale sanitario dal fardello di dover decidere al posto suo. I protagonisti dei nostri ritratti hanno preso questa decisione e infondono così coraggio agli altri.

Samuel

Una vita con problemi di salute, il collasso e il risveglio dal coma – con un nuovo fegato.

> La storia di Samuel

Maurice

Un’infanzia in ospedale, un trapianto riuscito, una vita che infonde coraggio.

> La storia di Maurice

Storie dai media

Leggete qui altre toccanti storie sul tema della donazione e del trapianto di organi.

> Storie dai media

Simone

Un figlio malato, una cerchia di amici veri, un trapianto riuscito e una madre orgogliosa.

> La storia di Simone

Sébastien

Una pessima notizia, la voglia di vivere, la chiamata tanto sospirata durante la pandemia di coronavirus.

> La storia di Sébastien

 

Decidere a favore o contro la donazione di organi è una decisione per la vita. Registrate la vostra decisione nel Registro nazionale di donazione di organi, garantendo così sicurezza, chiarezza e sollievo.

>> Iscriversi ora