Breadcrumb Navigation
Share Mail Print

«Donazione di organi: parlane. Per il bene dei tuoi cari.» Campagna dell’Ufficio federale della sanità pubblica e Swisstransplant

Con la campagna «Donazione di organi: parlane. Per il bene dei tuoi cari.», l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e la Fondazione Swisstransplant intendono sensibilizzare la popolazione svizzera sulla donazione di organi, inducendola ad affrontare il tema, a parlarne e a prendere una decisione a favore o contro la donazione. L’obiettivo della campagna è spronare la popolazione a comunicare la scelta ai propri cari sollevandoli dalla responsabilità di dover decidere.

La campagna fa parte del piano d’azione «Più organi per i trapianti» lanciata a marzo 2013 dal Consiglio federale e si sviluppa nell’arco di tre anni, da febbraio 2019 a dicembre 2021.

 

Lo spot TV «Chalet» 2019

Il nuovo spot mostra una situazione inconsueta con un raffinato senso dell’umorismo, sdrammatizzando sul tema della donazione di organi e illustrando in modo simpatico perché è importante prendere una decisione e comunicarla ai propri cari. Sia la versione web più lunga (46 secondi) che quelle brevi (30 secondi) saranno disponibili anche online.

Il video informativo «espressione della propria volontà»
È stato realizzato un video informativo animato sul tema dell’espressione della propria volontà. Il video, della durata di due minuti, è destinato a un’ampia fetta della popolazione ed è volto a sensibilizzare le persone sulla donazione di organi, aiutandole a prendere una decisione. L’obiettivo è spiegare loro perché è importante comunicare la decisione anche ai propri cari.

Ulteriori informazioni su www.vivere-condividere.ch

Sostenete la campagna

Anche voi siete caldamente invitati a far parte di questo movimento aderendo alla nostra campagna e promuovendola attivamente. Contiamo infatti sulla vostra collaborazione affinché il messaggio «Parla della donazione di organi» possa essere messo maggiormente in luce. Il materiale relativo alla campagna è ordinabile qui.