Nicola Heyser Burger, nata nel 1971, ha subito un trapianto di cuore nel 2010.

All’età di 28 anni a Nicola è stata diagnosticata un’insufficienza cardiaca. Sette anni dopo ha subito la prima operazione al cuore. Malgrado l’operazione abbia dato esiti positivi, dopo un certo periodo le sue condizioni sono peggiorate. L’unica opzione possibile rimaneva un trapianto di cuore. Nel 2010 le è stato donato un cuore. Il trapianto ha causato numerevoli complicazioni, ma Nicola ce l’ha fatta e oggi è tornata a vivere.

Nicola ha un debole per il mare, i viaggi (una vacanza di quattro settimane sarebbe il massimo), lo sci, la cucina, la fotografia ed i cavalli. Il suo sogno nel cassetto è praticare l’ ammaestramento a livello professionale e partecipare ad un campionato del mondo, europeo oppure alle Olimpiadi. Le cose più importanti nella vita di Nicola sono sua figlia e la sua famiglia, per le quali trova di nuovo del tempo dopo il suo travagliato passato.

Scegliere se donare o non donare i propri organi è una decisione molto difficile da prendere. Se non si vive in prima persona una situazione in cui è in gioco la vita, è difficile capire quanto sia grande il desiderio di ricevere un organo. Tutti coloro che vorrebbero riceverne uno dovrebbero anche donarlo.